Gutenberg sta arrivando… ma non facciamoci prendere dal panico

Chi si trova a lavorare con WordPress, di recente avrà sentito parlare a più riprese di Gutenberg. Di cosa si tratta esattamente? Sarà davvero di una rivoluzione? C’è da preoccuparsi?

Niente panico. Di seguito trovate spiegato in breve cos’è Gutenberg e che cosa si sa al momento al riguardo.

Gutenberg, rivoluzione in corso

Partiamo dal nome, che dovrebbe essere indicativo delle intenzioni del team di sviluppo di WordPress. Come è facilmente intuibile, il riferimento è a Johannes Gutenberg, il genio tedesco che inventò la stampa a caratteri mobili e cambiò così il volto della cultura mondiale.

Quella a cui Gutenberg diede vita nel 1455 con la stampa della sua prima edizione della Bibbia fu una vera e propria rivoluzione. È chiaro, quindi, che nelle intenzioni di WordPress l’introduzione di questo nuovo strumento a suo nome dovrebbe dare il via a un cambiamento altrettanto radicale.

Johannes Gutenberg
Johannes Gutenberg, inventore della stampa a caratteri mobili

Che cos’è Gutenberg?

Gutenberg, il nuovo editor di WordPress

Partiamo dalle basi. Gutenberg è, in termini semplici, il nuovo editor di WordPress, attraverso cui creare i post e i contenuti da pubblicare sul proprio sito. In che cosa, però, si differenzia dal passato?

Lo scopo principale di Gutenberg consiste nel fornire un nuovo strumento, più fluido e più adatto a un contesto multimediale, di produzione di contenuti. Alla base di questa nuova impostazione troviamo il concetto di blocchi.

Gutenberg e i blocchi

I blocchi saranno i “mattoni” con cui costruire i propri post e unificheranno le funzioni che oggi sono rivestite da una molteplicità di strumenti come shortcode, gallerie di immagini, colonne di testo e altri elementi di impaginazione e formattazione.

Tutto quel che serve per costruire post personalizzati sarà quindi raggruppato in un unico strumento che intende essere semplice e intuitivo da utilizzare, che non richiederà nessuna conoscenza dei codici html e css.

Gutenberg: si può già usare?

In questo momento Gutenberg è già scaricabile come plugin e testabile (anche retroattivamente su vecchi articoli) sul proprio sito. Da quel che si sa, l’editor diventerà poi “di serie” a partire dal nuovo aggiornamento (molto imminente!) di WordPress, il 5.0.

Ma… funziona?

Per funzionare, ovviamente funziona, anche perché se no gli sviluppatori di WordPress si sarebbero guardati bene dal rilasciarlo. Ma va detto che le possibilità di questo strumento non si esprimono ancora e non si esprimeranno per un po’ al massimo potenziale.

WordPress è infatti costantemente al lavoro sul miglioramento di questo strumento che promette comunque di essere già rivoluzionario. Ad esempio, si sa già che l’area su cui più si concentreranno gli sforzi di sviluppo nei prossimi mesi è quella della personalizzazione.

Per questo motivo, al di là di quello che è Gutenberg in questo momento… ne vedremo ancora delle belle.

Gutenberg WordPress
Ecco Gutenberg… ora non resta che trovare un titolo per il primo post.

Chi lo ha già usato cosa dice?

Come tutti i grandi cambiamenti, anche l’implementazione di Gutenberg si sta scontrando con quani dicono che “si stava meglio prima” (a torto o a ragione, è ancora presto per dirlo).

Da un lato è naturale: siamo abituati a fare le cose in un certo modo e, per quanto ci promettano dei miglioramenti, siamo restii a dover imparare “una nuova via”.

Dall’altro, è vero che finora le reazioni non sono state propriamente positive, basti pensare che sulla pagina di download del plugin le valutazioni negative sono in netta maggioranza.

Perché lo criticano?

In molti si lamentano del fatto che in realtà Gutenberg sia più complicato del vecchio editor, così come di page builder preesistenti e sviluppati da terzi come Visual Composer. In particolare, penalizzerebbe la parte di scrittura a discapito dell’inserimento di elementi multimediali (il che, in un certo senso, corrisponderebbe alla filosofia alla base del nuovo strumento).

Senza contare i vari bug e problemi di incompatibilità rilevati. Ma questi, ci sentiamo di aggiungere, sono dovuti al fatto che, come detto, Gutenberg è un progetto ancora in fase di sviluppo.

Del resto, Matt Mullenweg, l’ideatore di WordPress, ha affermato di recente che il plugin è stato rilasciato così presto proprio per dare tempo agli sviluppatori di rendere i propri temi e plugin compatibili con Gutenberg sin dal primo giorno del rilascio “ufficiale”.

Perché ne parlano bene?

Gli entusiasti – e ce ne sono tanti – difendono l’innovativo editor, invitando ad “abbracciare il cambiamento” e lodando soprattutto l’approccio modulare di Gutenberg.

Come stanno veramente le cose?

Un bilancio definitivo è ancora prematuro, perché Gutenberg, come detto, è ancora un work in progress.

Sicuramente un piccolo sforzo di adattamento sarà necessario. E sicuramente rilasciare, per quanto con delle motivazioni precise, un prodotto con tanti bug e ancora instabile è un rischio, perché in questo modo Mullenweg si è giocato la fiducia di molti sviluppatori.

Ma Gutenberg è un passaggio necessario per rendere l’esperienza di creazione dei post per l’utente molto più allineata rispetto al front-end reale dei siti web sviluppati con WordPress. Qualsiasi soluzione che migliori l’esperienza utente nel backend non può essere che benvenuta.

Per questo motivo, da queste parti siamo già al lavoro per cogliere tutte le sfumature di Gutenberg e per farci trovare pronti al “grande salto”.


Tranquilli, Gutenberg non sarà la fine del mondo…

E se per caso non ti trovi bene…

puoi sempre tenerti il vecchio editor (classic editor), che nella versione 5 di WordPress sarà comunque reso disponibile tramite plugin, come ha confermato lo stesso Mullenweg. Oppure…

…rivolgiti a un professionista di WordPress!

Prima di perderti tutte le potenzialità di questo strumento davvero interessante, però, ti invitiamo a prendere in considerazione un’altra ipotesi

Perché non ti rivolgi a un’agenzia super aggiornata su WordPress, in modo che possa non solo occuparsi del passaggio a Gutenberg in maniera indolore, ma anche sfruttare al massimo le potenzialità di questo nuovo editor, in base alle tue esigenze?

Sì, insomma… ti stiamo consigliando di rivolgerti a Monkey Theatre Studio, perché qui siamo dei veri e propri maniaci di WordPress, su cui ci teniamo aggiornati più che quotidianamente. Se sei interessato a un preventivo, non esitare a contattarci!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *