Social Network: qual è l’orario migliore per postare?

Stai iniziando a promuovere la tua azienda sui social o stai muovendo i primi passi in un’agenzia di comunicazione? Qualunque sia il tuo caso, ti troverai quasi sicuramente ad avere a che fare con i social network: strumento ormai essenziale non solo per affermare la tua presenza sul mercato odierno, ma per differenziarti comunicando quello puoi realmente offrire ai tuoi clienti.

Quello dei social network è un ambito in continua evoluzione che, soprattutto negli ultimi anni, ha contribuito a dar vita a nuove figure professionali con compiti e competenze ben specifiche. Soltanto dieci anni fa ad esempio la figura del Social Media Manager era sì qualcosa di già esistente, ma non poteva certo contare sul riconoscimento che oggi si sta continuando a ritagliare. L’avvento di questa “rivoluzione” ha reso necessario lo sviluppo di conoscenze man mano più approfondite, tese a rispondere alle esigenze dei diversi settori economici.

Tanti sono gli interrogativi del caso ma, parlando di social network, la domanda che viene posta più spesso è: qual è l’orario migliore per postare? In questo articolo proviamo a darti una risposta, analizzando i vari aspetti che ogni Social Media Manager si trova a dover fronteggiare. Tenendo sempre a mente che, come diciamo sempre, ogni piattaforma è una storia a sé!

Social Network: l’orario migliore esiste davvero?

Partiamo con una premessa: indipendentemente da quale sia l’orario migliore per postare sui social, gli elementi davvero importanti sono altri. In questa prima parte ne andremo ad analizzare tre, ovvero una piccola parte di quello che è uno scenario immenso e continuamente in espansione.

I fattori di interesse per il Social Media Manager

Prendiamo ad esempio il contenuto, troppo spesso tralasciato o relegato a fattore di importanza secondaria: un errore grave, che non devi commettere nella maniera più assoluta! Questo perché oggi non è importante che la tua azienda “stia su Facebook”, ma che presenzi in maniera oculata e intelligente sulle piattaforme che più le sono congeniali. Gli aspetti da tenere in considerazione sono davvero molti, ma volendo riassumere in una lista essenziale li possiamo raggruppare in tre macrocategorie:

  • Contenuto
  • Pubblico
  • Dati

Content is king”, come diceva Bill Gates già nel lontano 1996. Una frase semplice e immediata, ma che racchiude al suo interno un’enorme verità oggi sempre più fondamentale: è infatti importante comunicare in un certo modo, con determinati linguaggi che siano adatti a presentare e promuovere il tuo prodotto. Se ti occupi di vendere prodotti di alta qualità per il ciclismo a livello professionale, ad esempio, dovrai utilizzare una terminologia conseguente. Lo stesso discorso vale per immagini, video e qualunque altro medium tu possa condividere sui social. Presta sempre attenzione alle parole che utilizzi, anche in relazione a quello che è il secondo punto in elenco: il pubblico. È bene utilizzare un certo tipo di linguaggio con un certo tipo di persona, sempre tenendo in considerazione la natura del prodotto. In questa fase è non solo utile, ma vitale condurre una serie di test approfonditi che producano risultati di interesse per il tuo business: ci colleghiamo qui al terzo e ultimo punto, ovvero i dati. L’analisi dei risultati, ottenuti sulla base di un determinato target e uno specifico campo d’azione, può portare allo sviluppo di soluzioni man mano sempre più adatte alle tue esigenze.

In quest’ottica di continuo affinamento, l’analisi dei dati offre spazio anche alla precitata questione di quale sia l’orario migliore per pubblicare sui social. Condurre esperimenti in tale direzione può infatti portare a un progressivo affinamento del calendario editoriale, con l’identificazione di quelli che sono giorni e orari dove risulta più facile raggiungere il tuo pubblico.

Ma quindi… Quando devo postare?

In risposta alla domanda che dà il titolo a questo paragrafo diciamo dunque che sì, può esistere un orario migliore per postare sui social, ma che non è assoluto e va contestualizzato allo scenario in cui decidi di operare. Il tuo pubblico è più reattivo durante i fine settimana? O forse di lunedì mattina? O forse ogni giorno nella fascia che va dalle 15 alle 18? Tutte soluzioni possibili e che vale la pena valutare: quando e quanto postare sui social sono quesiti senza risposta certa, ma trovare la strada migliore per il tuo business è sempre possibile. In questo senso possiamo aiutarti: per qualsiasi dubbio, chiarimento o per un preventivo, non esitare a contattarci!

Questione di… Piattaforma!

Processare e comprendere a dovere tutti i dati a tua disposizione può fornirti ulteriori indicazioni su un altro punto di fondamentale importanza: la piattaforma. L’orario migliore in cui postare sui social, basato ovviamente su quella che è la natura della tua attività, varia anche e soprattutto a seconda dei diversi canali a disposizione. Quella che segue no, non è la Bibbia per diventare il miglior Social Media Manager al mondo: si tratta di una serie di infografiche che, in una fase preliminare, possono risultare d’aiuto per iniziare a pianificare la propria attività sui social network, sia a livello di linguaggi che di tempistiche.

[Credits infografiche: Oberlo.com]

Quando pubblicare su Facebook

Partiamo da quella che è la piattaforma più diffusa e utilizzata al mondo: Facebook può infatti contare su una media di 2.7 miliardi di utenti attivi ogni mese (fonte: Statista) con numeri da capogiro che non accennano a fermarsi. Sempre considerando il fatto che ogni piattaforma è pensata per un target e quindi per un linguaggio ben preciso, va detto che il social di proprietà di Mark Zuckerberg è forse il più “versatile” da questo punto di vista. L’incredibile volume dell’utenza, in termini numerici e di varietà, ha fatto sì che con gli anni si costruisse in sostanza un ambiente dove poter comunicare praticamente a chiunque. Esiste sì una fascia d’età che predilige Facebook ad altri canali (nello specifico quella che va dai 25 ai 34 anni, secondo sproutsocial.com) ma si tratta, in questo frangente, di indicazioni alquanto malleabili. I giorni più adatti in cui pubblicare, almeno in una fase iniziale, sembrerebbero quelli a cavallo del weekend: dal giovedì alla domenica, con il fine settimana a registrare le performance più interessanti in termini di interazioni.

Quando pubblicare su Instagram

La crescita di Instagram negli ultimi anni ha portato a numeri davvero importanti: ad oggi, si stima che più di un miliardo di persone utilizzino l’app almeno una volta al mese. Il target preponderante è qui diverso, e vede la fascia d’età compresa tra i 18 e i 29 anni come quella più propensa a utilizzare la piattaforma (fonte: Pew Research). Per quanto riguarda la questione giorni e orari di pubblicazione, pare che Instagram sia indicato per proporre contenuti durante la pausa pranzo o alla fine della giornata lavorativa: la natura fortemente smart del prodotto, del resto, fa sì che esso si presti a una fruizione più occasionale, adatta perciò a contenuti diversi rispetto a quelli presenti sugli altri canali.

Quando pubblicare su LinkedIn

Per comunicare da e con professionisti, LinkedIn è la piattaforma più adatta in assoluto: 722 milioni di utenti, di cui il 37% appartenente alla fascia d’età compresa tra i 30 e i 49 anni (fonte: businessofapps.com), sono un pubblico ampio e variegato dove puoi trasmettere in maniera professionale ciò che la tua azienda può offrire al mercato. Un’indicazione preliminare mostra come gli utenti sarebbero qui più attivi tra le 10 e le 11 del mattino, in pieno orario lavorativo.

Quando pubblicare su Twitter

Colpevolmente troppo spesso sottovalutata, Twitter è in realtà una piattaforma ricca di potenziale. Diffusa in misura più ampia nel continente americano, ma comunque in grado di ritagliarsi un’importante fetta di pubblico in tutto il mondo, Twitter conta più di 500 milioni di “cinguettii” al giorno per 340 milioni di utenti iscritti (fonte: omnicoreagency.com). Come dicevamo, un canale assolutamente da non sottovalutare. Anche qui la natura della piattaforma si presta a un utilizzo rapido da parte dell’utenza, e l’orario più indicato sembrerebbe essere compreso tra le 12 e le 13.

Quando pubblicare su YouTube

Il 79% degli utenti web possiede un account YouTube (fonte: Datareportal). Una percentuale che lo rende il secondo social network più popolare al mondo, ma anche e soprattutto un’opportunità per raccontare a un pubblico ben preciso quello che è il tuo business. L’orario migliore per pubblicare è qui variabile: fascia pomeridiana durante la settimana, fascia mattutina nel corso dei weekend. In ogni caso le persone tendono a guardare video verso sera: ragion per cui giocando d’anticipo è possibile sfruttare al massimo tutte le risorse a tua disposizione.

Ripetiamo che, in ogni caso, si tratta di indicazioni che possono funzionare in una fase iniziale: analizzando e scoprendo chi è e come si comporta il tuo pubblico, sarai in grado di dare vita a progetti costruiti alla perfezione per ottenere risultati di rilievo per il tuo target. Per raggiungere obiettivi del genere e fare il salto di qualità servono tempo e soprattutto esperienza in materia: per saperne di più, insomma, contattaci ora!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *